Un antico relitto glaciale

Un antico relitto glaciale

La provincia di Varese possiede montagne di modesta altezza; se escludiamo qualche vetta al confine con la Svizzera (es. Monte Lema, 1624 m), quelle più alte superano di poco i 1200 m. Tuttavia, esistono piante che, nel corso di migliaia di anni e a seguito di diversi periodi glaciali, sono migrate dalle Alpi centrali verso meridione, a volte giungendo fino all’alta pianura. Con l’avanzata dei ghiacciai, infatti, le piante videro ridursi sempre più i loro habitat e l’inasprirsi del clima le costrinse a migrare verso sud e/o a quote più basse. Molte montagne delle Prealpi costituirono un ottimo rifugio durante quei periodi di freddo; immaginate tutte le valli del varesotto ricolme di ghiaccio con solo le cime dei monti come Campo dei Fiori, San Clemente, i Pizzoni o il Monte Orsa che emergevano come vere e proprie isole da un mare di ghiaccio.

Col termine delle glaciazioni, però, molte di quelle piante rimasero isolate dalle popolazioni alpine ed è possibile osservarle oggi a quote che, normalmente, non sono di loro pertinenza. Queste specie sono definite “relitti glaciali”. Tra questi abbiamo la bellissima Daphne alpina L., specie relativamente diffusa in quasi tutta Italia ma molto rara (specie in Appennino). Si tratta di un piccolo arbusto caducifolio, che vive su rupi, ghiaioni e macereti esclusivamente calcarei. Nel varesotto è possibile osservarla in fiore da aprile a maggio; produce spettacolari fiori bianchi dal delicato profumo di vaniglia. Le foglie sono semplici, lunghe 3-4 cm e possono essere sia glabre sia pubescenti. Altrove può vivere fin anche a 1700 m, ma qui da noi la si osserva a poco meno di 1000 m. È rara ed è difficile osservarla (per il suo particolare habitat). In estate produce frutti (drupe) di colore arancio, molto belli a vedersi, ma estremamente velenosi se mangiati! Il nome del genere “Daphne” deriva dal greco e significa “alloro”, a causa della somiglianza delle foglie di altre specie di daphne con il Laurus nobilis L.

NatuReporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *